domenica 6 giugno 2021

La stirpe dei Bassotti, parte VII: Paperopoli or Bust!

 Vediamo ancora i “papà Bassotti”, nelle storie in cui Paperone non è più giovane, ed è già insediato a Paperopoli e affiancato dal nipotame… e tuttavia, questi Bassotti NON hanno le caratteristiche “moderne”, ragion per cui supponiamo trattarsi ancora dei loro padri. Qui le datazioni sono rilevate dalle date di uscita delle storie, e ci limiteremo a quelle del primo decennio (anno ‘50)

(segue da)

Paperino e Paperone e nipotini e altra gente negli abissi d'oro (Martina-Carpi/Chierchini, 1954) … 

Vediamo i Paperi al recupero di monete rubate dai papà Bassotti, che esibiscono ancora i loro stranissimo cappellini...

Topolino eil capodanno tropicale (Martina-Bottaro, 1955: il titolo sarà poi corretto, perché qui Topolino non compare affatto)..: 

In questa storia, con Paperone che sfrutta i nipoti desiderosi di una vacanza per depistare i Bassotti, vediamo costoro ricorrere a quello che diventerà un classico: i travestimenti… improbabili (e anche… non-politically correct)

Paperino e l'operazione "jota" Martina-Bottaro, 1955 

Ancora dei Bassotti crudelissimi!

Paperino e Robert il Robot, Martina-Carpi/Chierchini, 1956.

Qui i Papà Bassotti compaiono insolitamente… senza mascherina!

Paperino e il concentratore (Martina-Bottaro, 1956) In questa avventura i Bassotti non compaiono proprio (la sigla BB che tanto impauriva Paperone corrispondeva invece a… Brigata Baldanzosa!) … 

... ma la loro presenza aleggia inquietante: i Bassotti sono ormai diventati il principale timore del Riccastro!

I Bassotti giungono in città e si intrufolano in uno show televisivo condotto da Paperino (e qui conosciamo anche i nomi di almeno due di loro, Gionni e Gianni; 

Da “Paperino a Botte o Risposte” di Michela Quilico-Martina/Peregp,  1956 (storia quindi non propriamente martiniana, ma comunque sceneggiata dal Professore)

(segue)

mercoledì 28 aprile 2021

Attraverso i secoli: La stirpe dei Bassotti. Parte VI: Paperopoli or bust!

 Vediamo ancora i “papà Bassotti”, nelle storie in cui Paperone non è più giovane, ed è già insediato a Paperopoli e affiancato dal nipotame… e tuttavia, questi Bassotti NON hanno le caratteristiche “moderne”, ragion per cui supponiamo trattarsi ancora dei loro padri. Qui le datazioni sono rilevate dalle date di uscita delle storie, e ci limiteremo a quelle del primo decennio (anno ‘50)

(segue da...)

1952, sono decisamente proto-barksiani, questi Bassotti! 

da Paperino e i piatti volanti, Martina-Bottaro, 1952


1953, Paperino e il suo fantasma (Martina-Carpi/Chierchini)

... una strana “trasferta” africana dei paperi e dei proto-Bassotti, potenzialmente riconducibile anche al periodo "africano" dello stesso Paperone (bisognerebbe però sostituire lo zio al nipote, nel ruolo di protagonista)


1954 Ed ecco che scopriamo che non solo i Bassotti (qui veramente agli inizi, forse nella loro prima avventura a Paperopoli, in cui arditamente, rapiscono Paperone in persona) talvolta hanno subito perfino la pena capitale...

... ma anche che Bassotti si può diventare… tramite un semplice arruolamento! Paperino e l'oro del treno (Martina-Carpi/Chierchini),1954


1954 Incontriamo addirittura la succursale francese! dei nostri Bassotti

Paperino al Tour, Martina-Perego, 1954



1955 Qui viene presentato un topos ormai classico: Paperino mascherato da Zio Paperone! 

... che viene rapito dai Bassotti, qui inquietanti come non mai. Il carnevale diPaperin Paperone, Martina-Scarpa, 1955 



1955 E assistiamo a un effimero successo, dei nostri papà Bassotti.

Topolino e la doppia vigilia di Natale, Martina-Bottaro, 1955

(segue)

martedì 9 marzo 2021

Attraverso i Secoli: la Stirpe dei Bassotti. Parte V: Padri Padroni

E siamo così giunti “ai giorni nostri”, a quelli che verosimilmente sono i padri dei Bassotti più famosi e conosciuti, il cui avversario è Paperon de’ Paperoni in persona.

(segue da...)


1912: cominciamo con quello che è probabilmente il primo incontro fra il Giovane Paperone e i Bassotti moderni (o meglio, appunto i loro padri): Paperino e il giubileo del fantastilione, Martina-Perego, 1957. 


Questi anonimi Banditi (regolarmente gabbati dal furbo Paperone, come accadrà -quasi- sempre in futuro) sembrerebbero proprio i Bassotti. Il capo, poi, sembra proprio il Nonno (o forse un Bisnonno Bassotto?).


1917: i Bassotti moderni (o meglio, i loro padri) tornano in Zio Paperone e il cinquantennio della tuba, Martina-Gatto, 1978: i Bullos Boiaccias. 

E subiscono inevitabilmente la prima di tante beffe, con Paperone che nasconde l’oro nella sua Tuba “magica”…


Nel 1940 incontriamo degli anonimi dalle fattezze inequivocabili, sia pure in assenza di mascherine e provvisti di strani baffoni. 

Da Zio Paperone e il papiro dei faraoni d'America, Martina-Carpi, 1978


Nel 1941, conosciamo Lefty il Mancino e i suoi Balordi, da Paperino e la grande rapina di Tucson, Martina-Scarpa Cavazzano, 1971 

Che, in verità, NON ce l’avevano con il nostro Paperone, ma vengono ugualmente da lui beffati.

(segue)

lunedì 15 febbraio 2021

Attraverso i Secoli: la Stirpe dei Bassotti. Parte IV: Le Parodie

Spesso il nostro Professore ci ha mostrato i Paperi in situazioni “storiche”, in epoche passate… e spesso, questi “antenati” hanno affrontato dei gruppi di malviventi, con la caratteristica di essere tutti uguali fra loro, tanto da chiamarsi vicendevolmente “fratelli”, un po’ goffi, talvolta guidati da un capobanda più anziano (una specie di capofamiglia), e spesso al servizio degli antenati di Rockerduck, le cui iniziali sono quasi sempre BB… potremmo quindi ricostruire una genealogia dei bassotti? Proviamoci...

(Segue da...)

Un filone particolare è quello della Parodie, in cui gli Antenati incarnano personaggi storici o protagonisti di antiche leggende… ecco quelle fin qui da noi (colpevolmente!) trascurate :


1301 Messer Papero e il Conte Ugolino, Carpi/Martina-Carpi, 1983:  la leggende dell’eroina pisana Kinzika de’ Sismondi, che dette l’allarme per un assalto dei Pirati Saraceni…

... qui guidati dal Pirata Bassot

L'eroina pisana è qui impersonata da una delle antenate di Paperina, antenate che ritroveremo spesso in questa Selezione...


1320: Grazie a un altro dei voli pindarici di cui il Professore si dilettava, apprendiamo che a Gradara nel 1300 viveva nientemeno che… Il Passatore!,

... dedito a imbrogliare le ingenue e (non troppo) oneste matrone.

 

da Paolino Pocatesta e la bella Franceschina, Martina-Carpi, 1980


nel 1400, solcava l’Adriatico la galera Sing-Sing, ammiraglia degli Infedeli Bassotti

… il cui abbordaggio fu respinto dai fedeli marinai di Re Milone Paperone...

... in maniera non proprio ortodossa! Paperin meschino, Martina-PLDeVita, 1958


1594: con ogni evidenza, anche gli Armigeri dei Capulett di Verona appartenevano alla Stirpe dei Bassotti.


L'amorosa istoria di Papero Meo e Gioietta Paperina, Martina-Scarpa/DelConte, 1979

1640: anche se li vediamo solo in poche vignette, i Bassotti possono vantare antenati anche fra le Guardie del Cardinale Richelieu, da Paperino di Bergerac, Martina-Carpi, 1981

(Segue)

mercoledì 27 gennaio 2021

Attraverso i secoli: la Stirpe dei Bassotti. Parte III: il Far West

 Spesso il nostro Professore ci ha mostrato i Paperi in situazioni “storiche”, in epoche passate… e spesso, questi “antenati” hanno affrontato dei gruppi di malviventi, con la caratteristica di essere tutti uguali fra loro, tanto da chiamarsi vicendevolmente “fratelli”, un po’ goffi, talvolta guidati da un capobanda più anziano (una specie di capofamiglia), e spesso al servizio degli antenati di Rockerduck, le cui iniziali sono quasi sempre BB… potremmo quindi ricostruire una genealogia dei bassotti? Proviamoci...

Come già per la Rockerdinastia, qui possiamo anche tentare una ricostruzione cronologica delle apparizioni dei vari Antenati, seguendo il metodo di datazione che abbiamo usato per la Vita di Paperone.

Una consistente presenza di Bassotti la possiamo vedere nell'epopea del Far West...

(Segue da)


1877 nel Far West,  gli Antenati dei Paperi (e noi con loro) incontrano diversi gruppi riconducibili ai Bassotti: nel 1877 facciamo la conoscenza dei Balordos Bandeirantes, banditi che spessi si mettono al servizio del banchiere Goldenduck (Paperino e la Bella del Saloon, Martina-Scala, 1977) …



... e i Balordos Bandeirantes compaiono anche in storie successive, (Paperino e la pelle dell’orso, Martina-Scala, 1977).


Li incontriamo ancora nel 1878, da Paperino e la Danza della Pioggia [Martina-Scala, 1978]


1879, una interessante variante: Paperino e gli Scaltri Bandidos (chissà: forse “cugini” dei Balordos?), Martina-Scala, 1979. Ancora una volta è da sottolineare la finezza linguistica: i nomi Fulano Zulano e Mentano sono il corrispettivo spagnolo dei nostri Tizio Caio e Sempronio. 


Anch’essi sono al soldo di Rockerduck… anche se non propriamente “fedelissimi”


1880, ancora un altro gruppo di “cugini”:i Vigilantes dello sceriffo Jack Rancid, da Paperina e il pistolero senza volto, Martina-Zemolin, 1980… qui tornati “dalla parte della legge”…


1881 ed ecco una variante: non più Bandeirantes, ma Balordos Bandidos, [Paperino e lo Sceriffo Doppia Stella, Martina-Carpi 1981] Notare l’inversione di ruoli rispetto alla precedente storia: adesso lo Sceriffo è Paperino! E i Bandidos non brillano certo per il loro coraggio…

(Segue)